Italian Naval “Old Rhythmers” Club

logo

CQ CQ CQ DE ANDREADORIA/ICE
TO ALL CW Op./s

FROM 00:00 UTC 18 JULY TO 23:59 URC 1^ AUGUST 2020 SPECIAL CALL II0ICEH WILL BE ON AIR IN ALL HF BANDS FOR REMEMBER ITALIAN LINER RAMED BY SWEDISH S/S STOCKOLM.
ALL R.O. INORC ARE KINDLY REQUESTED TO COOPERATE GIVING SUPPOR.
IK0PRH

see: REGULATION DIPLOMA T/n ANDREA DORIA / ICEH

Cari Soci,

in questo difficile momento, dove molti hanno problemi legati all’ epidemia di questo invisibile nemico virus 19, non deve venir meno la volontà di resistere e sperare che anche questa volta si riuscirà a debellare il male e tornare alle nostre quotidiane abitudini.

IK0PRH Biagio Venanzoni

Per ricevere i comunicati e partecipare alla mailing list i soci sono pregati di comunicare gli indirizzi di posta elettronica o le eventuali variazioni a:
           presidente@inorc.it
 
          secretary@inorc.it
 

L’Italian Naval Old Rhythmers Club nasce come associazione dei Radiotelegrafisti imbarcati sulle Navi della Marina Militare Italiana.

Successivamente l’associazione si è aperta anche agli Ufficiali Radiotelegrafisti della Marina Mercantile e agli R.T. non imbarcati, compresi quelli delle Stazioni Radio Costiere e agli appartenenti al settore nautico della Guardia di Finanza e, nel tempo, anche a quelli del settore trasmissioni delle altre FF.AA. nonché, infine, ai Radioamatori muniti di Nominativo internazionale, purché capaci di operare abilmente in codice Morse.

Gli odierni sistemi di comunicazioni satellitari hanno sostituito i Radiotelegrafisti. L’I.N.O.R.C. ha perso la principale fonte di “arruolamento“, ma gli scopi fondanti del Club restano immutati, essi sono:

• mantenere vivo il ricordo della Radiotelegrafia Navale e delle persone che, a bordo e a terra, hanno assicurato, oltre le comunicazioni, la salvaguardia della vita umana in mare;
• promuovere l’insegnamento dell’Alfabeto Morse, non solo per uso di comunicazione e di cultura, ma anche quale pratico mezzo per allenare e sviluppare le capacità mnemoniche e i riflessi;
• organizzare competizioni di abilità nella trasmissione e ricezione del Codice Morse;
• ricordare eventi e fatti di Uomini, Navi e apparati radionavali;
• raccogliere le memorie e gli scritti dei naviganti e degli operatori del servizio radiomobile marittimo prima che il lento scorrere del tempo affondi tutto nell’oblio.